Festival delle Rose a Kelaa M’Gouna

FESTIVAL DELLE ROSE A KELAA M’GOUNA

A KELAA M’GOUNA, A MAGGIO DI OGNI ANNO SI ORGANIZZA QUESTO BELLISSIMO FESTIVAL 

C’è una vallata il cui nome è “la Valle delle Rose”, si trova nella regione pre-desertica nei pressi della Valle del Dades, e in questa località, nella sua piccola provincia di Kelaa M’Gouna, ogni anno a maggio si celebra il Festival delle Rose.

Per due giorni la Festa si svolgerà attraverso danze e musiche berbere e i bambini si occuperanno di vendere le ghirlande di rose.

Secondo la tradizione, si tratta di rose provenienti da Damasco che i pellegrini, di ritorno dalla Mecca, hanno portato nella zona.

Vengono chiamate le “rose del deserto”, da non confondere con le formazioni di sabba e cristalli che si trovano nel Sahara, o ancora i “cespugli” che vivono senz’acqua per mesi e che ravvivano le nostre case. Si tratta di fiori veri e propri che fra aprile e maggio sbocciano nei villaggi di Kelaa M’Gouna. I suoi petali sono di color rosa acceso. In inverno, è difficile intuirne la loro presenza, mascherati nelle fitte siepi, ma durante la fioritura, il profumo invade le strade dell’intera vallata. Per alcune settimane, il rosa dei boccioli si aggiunge al colore acceso della terra rossa e al verde smagliante della natura presente nel territorio.

Lungo le rive del Dades (il fiume che attraversa la vallata), le rose di Damasco hanno trovato un habitat a loro confacente, capaci di resistere sia al freddo che alla prolungata siccità del luogo.

Per lungo tempo i berberi di queste oasi utilizzarono le siepi per delimitare i loro campi e per proteggerli dagli animali, ma negli anni Trenta, alcuni profumieri francesi in viaggio in Marocco durante il periodo della fioritura, scoprirono questo patrimonio e in poco tempo stabilirono qui due fabbriche per la produzione di olii ed essenze e la produzione, che fino a quel momento era lasciata al caso, è diventata un business per molte famiglie.

I roseti sono presenti in un’area relativamente limitata, nel cuore del paradiso del trekking, dove utilizzando le mulattiere si può arrivare alle località di Hadida e Bou Tharar, dove termina la strada.

Sono principalmente le donne ad occuparsi della raccolta delle rose. Per garantirne il profumo e la consistenza, i boccioli vanno raccolti nelle prime ore del mattino, appena schiusi, oppure la sera, dopo il tramonto. Il raccolto viene portato nella Kasbah per le scelta dei petali: una parte viene fatta secca per essere utilizzata per il potpourri o per la profumazione della casa, il resto viene utilizzato per la distillazione dalla quale ricavare le essenze per la profumeria.

Un dato su tutti: per ottenere un chilo di distillato, occorrono 500 chili di rose (più o meno 250.000 fiori), questo spiega il costo dei prodotti (anche Chanel n. 5 ha come componente la rosa di damasco).

Dalla seconda scelta, si ricava l’acqua di rose, alla quale siamo tutti abituati fin da bambini J

A Kelaa M’Gouna troverete diverse botteghe dedita alla vendita dei prodotti a base di rosa, quindi quale migliore occasione per fare acquisti di questo tipo e portare a casa un ricordo del viaggio o un pensierino per parenti ed amici.

Per chiudere: la concorrenza sul prodotto è assolutamente pressante, Bulgaria, Francia, Turchia ed altri paesi mediorientali ed asiatici si occupano della produzione industriale delle rose, ma i coltivatori di Kelaa M’Gouna continuano a mantenere la genuinità della distillazione, conformemente ai precetti islamici.

Nel 2017, la manifestazione si terrà nelle giornate del 13 e 14 maggio.

Categories: Eventi